Tag

, ,

E basta con questa storia, l’Italia non è uno stato cattolico, l’Italia non è fondata sulla religione: in Italia vi è una predominanza di cattolici! Tutto qui!

E dopo questa premessa il secondo punto è: il registro delle unioni civili per coppie omosessuali (e volendo anche non) non c’entra nulla con la religione cattolica e con il clero, e quindi non capisco questa continua intromissione (oddio..il non capisco è abbastanza retorico ma concedetemelo…).

Quindi, presupponendo che le unioni civili sono solo ed esclusivamente un problema dello stato, una piccola carrellata su alcuni articoli della nostra costituzione non guasta:

ARTICOLO 3: Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

ARTICOLO 7: Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani.

ARTICOLO 29: La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio. Il matrimonio è ordinato sull’eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell’unità familiare (e qui non vedo alcun riferimento al fatto che siano uomo e donna…)

Inoltre…dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo:

ARTICOLO 16:

1) Uomini e donne in età adatta hanno il diritto di sposarsi e di fondare una famiglia, senza alcuna limitazione di razza, cittadinanza o religione. Essi hanno eguali diritti riguardo al matrimonio, durante il matrimonio e all’atto del suo scioglimento.

2) Il matrimonio potrà essere concluso soltanto con il libero e pieno consenso dei futuri coniugi.

3) La famiglia è il nucleo naturale e fondamentale della società e ha diritto ad essere protetta dalla società e dallo Stato.

E anche qui non vedo riferimenti ai sessi dei coniugi mi pare…