Tag

, , , , , ,

Ritorniamo ogni tanto alla mia rubrichina delle superstizioni, oggi mi sono dedicata alla ricerca sui gitani (più comunemenete e a volte dispregiamente detti zingari).

imagesCAXIRZLT

(Nell’immagine la processione di santa Sara alla festa dei gitani che si tiene in provenza il 24 maggio)

Molte delle superstizioni Gitane sono il frutto di un continuo amalgama e miscuglio di religioni, credenze, simboli e miti, che si intrecciano con le regole di convivenza sociale man mano adottate dai vari gruppi sociali.

Innanzitutto deve essere fatta la premessa religiosa su cui si basa la cultura gitana. La base sono 2 figure essenziali: il Dio creatore e il diavolo, Poi ci sono una serie di figure, spiriti e forze che fanno da corollario (per esempio le Ourmes, le Kechali e le Holypi, le fate gitane), In questa schiera di spiriti vi è una netta predominanza femminile.

Una delle pratiche superstiziose è legata alla nascita dei bambini. Durante la notte successiva alla nascita del bimbo infatti si traccia un solco circolare intorno alla tenda dove riposano madre e figlio, e dentro al solco viene sparsa delle semenza di agrifoglio. Questo dovrebbe far sì che le Ourmes non siano influenzate e intimidite, e quindi siano in futuro predisposte verso il bambino. Altra usanza è quella di porre sopra il capo di madre e bambino una scodella con grano e miglio con 3 cucchiai, che dovrebbero essere usati solo dalle Ourmes. In altri gruppi al posto di grano e miglio si usano 3 bocconi di lardo, 3 bocconi di pollastra bianca e tre bicchieri di grappa (per digerire :D)

Al termine di questi riti nella tenda restano solo madre, piccolo e la maga, unica persona in grado di vedere le fate!

Nei popoli gitani è vietato l’uso di particolari alimenti (tipo fagioli, semi di zucca, noccioline, carne di capra, lepre o maiale e alcuni tipi di pesce) perché sono veicoli che attirano le Holypi, che sono le streghe portatrici di malattie.

I popoli gitani non usano e non tengono oggetti d’argenti in quanto porta male e questo sarebbe spiegato dal fatto che lasciano una macchia nera dove vengono appoggiati (io l’ho sempre chiamata ossidazione ma vabbè😀 ).

Se raccogliamo un mazzo di fiordalisi e li poniamo sul davanzale di una finestra, hanno la virtù di legare a noi l’amato..

Per quanto riguarda i matrimoni, anche qui non mancano scaramanzie e superstizioni. Prima del matrimonio, tra le famiglie devono essere divisi equamente il sale e il pane per scongiurare la sfortuna. Il giorno prima del matrimonio devono essere messi grano e miglio (ancora???) nelle scarpe della sposa, come auspicio di fecondità (infatti tanti figli vogliono dire prestigio fra i gitani). Dopo la cerimonia i grani vengono lanciati addosso agli sposi.

E qui ci fermiamo…ma credo che potremmo continuare per moooolto e mooolto tempo😀