Tag

, , , , , , , , , ,

Continuiamo il ciclo delle superstizioni nazionali….oggi andiamo in Inghilterra (e in parte nel regno unito)

Come in Italia porta sfortuna camminare sotto una scala (to walk underneath a ladder), rompere uno specchio causa sette anni di sfortuna (seven years bad luck) e far cadere il sale, in quel caso dovete immediatamente gettarlo sopra la spalla (you must throw it over your shoulder).

Nei paesi anglosassoni trovare un ragno dentro il vestito della sposa, mentre questa si appresta ad indossarlo, porta fortuna. È’ invece di malaugurio rompere un qualunque oggetto la mattina delle nozze. E ancor peggio, la rottura di uno specchio. Le spose inglesi del Medio Evo non rinunciavano a portare all’altare un odoroso mazzolino di rosmarino, propiziatore di fecondità

Nel Regno Unito, vedere una singola gazza (magpie) porta male. Per evitare sventure, bisogna salutarla dicendo “Hello Mr Magpie, how’s your wife?” e sollevando il bordo del cappello, vero o virtuale, in segno di saluto.
Se però le gazze sono più di una, il pericolo è scampato e si avrà un’indicazione sul proprio futuro, da interpretare con questi versi, in base al numero di gazze:

One for sorrow,
Two for joy,
Three for a girl,
Four for a boy,
Five for silver,
Six for gold,
Seven for a secret never to be told.

ehm…se sono più di sette non so bene cosa succeda….

Sulla Rocca di Gibilterra vive l’unica colonia di scimmie europee in libertà. Secondo una antica superstizione quando non ci saranno più scimmie a Gibilterra, cesserà il dominio inglese su questa promontorio meridionale della penisola iberica. Nel corso della seconda guerra mondiale la popolazione di scimmie si era ridotta nel 1942 a soli 7 individui, e Winston Churchill per evitare ripercussioni negative sul morale della popolazione, in caso di scomparsa della colonia ne ordinò il rinfoltimento tramite l’importazione di scimmie dal Marocco e dall’Algeria indicando che la popolazione della colonia non dovesse mai scendere al disotto di 24 esemplari ed un ufficiale inglese ricevette la responsabilità di occuparsi del benessere della colonia.

Una piccola colonia di corvi vive nella torre di Londra, ove uno degli Yeomen Warders riceve l’incarico di raven master, consistente nel curarsi della salute dei corvi e nutrirli quotidianamente. Ciò avviene in quanto secondo una leggenda la monarchia inglese cadrà sotto la mano di un invasore straniero il giorno in cui tutti i corvi moriranno o abbandoneranno l’edificio. Per questo motivo le ali di questi corvi sono sfoltite di piume per ridurne la loro capacità volatoria. In tempi recenti si è discusso se questa leggenda, che aiuta a mantenere un certo clima di mistero ed orrore attorno alla Torre, e colore popolare per turisti, che si farebbe risalire al secolo diciassettesimo, in realtà non sia molto più recente e databile come sua origine al XIX secolo.

È fondamentale evitare il numero tredici in ogni occasione, perché per inglesi ed americani è assolutamente il numero sfortunato per eccellenza, tanto che spesso non c’è la fila tredici degli autobus, manca il tredicesimo piano nei grattacieli e la tredicesima stanza negli alberghi. Scoprirete che i voli in partenza di venerdì tredici costano meno perché molte persone preferiscono non partire in questa data. Venerdì 13 furono sterminati i cavalieri templari, venerdì era il giorno delle impiccagioni, inoltre erano tredici i gradini del patibolo. Morale: friday the thirteenth is a very unlucky day.